Copyright Orsa Maggiore International Srl - Tutti i diritti sono riservati - Orsa Maggiore International Srl - Sede legale: Vaprio d’Adda - Via Marconi 4/B
Registro delle Imprese di Milano;    Codice Fiscale e Partita Iva 06405990968;    ROC. n° 17890 del 02/01/2009
Questo sito utilizza cookie tecnici. Possono esserere inviati cookie da terze parti destinati al solo scopo statistico la cui raccolta di dati è riferita esclusivamente all'uso di questo sito. Continuando la navigazione accetti tacitamente l'uso dei cookie indicati. →  Per maggiori info → → → → 
PAGINA DI ARCHIVIO, PER NOTIZIE PIÙ RECENTI SU: AUTOCARRI &
ALLESTIMENTI
CLICCA QUI →
Per inserire qui il vostro banner tel 0392020976

2013

indice analitico: clicca sulle voci per andare alla pagina indice dedicata troverai gli articoli che ti interessano
Accessori Macchine Componenti per Edilizia Gru a Torre Piattaforme
Ascensori Montacarichi Componenti per Macchine GruRretrocabina Pneumatici
Attrezzature MMT Dumper Lavori in Quota Sicurezza sul Lavoro
Autogru Energie Alternative Macchine per Edilizia Sollevatori Telescopici
Aziende Informano Escavatori Cingolati Macchine Movimento Terra Teatri di Lavoro Insoliti
Cantieri Cave Escavatori Gommati Manutenzione Edifici Torri Faro e Illuminazione
Camion Truck Eventi e Fiere Motori Trasmissioni
Casseforme Casseri Generatori Pale Gommate Veicoli Commerciali

SUCCESSIVA

PRECEDENTE
www.flickr.com
Questo è un badge Flickr che mostra le foto pubbliche e/o i video di MC 5.0. Crea il tuo badge qui.

ECR88D Fast spech

Potenza (CV) 58
Forza di strappo (kN) 43
Forza di penetrazione max (kN) 57,2
Altezza scarico max (m) 7,35
Profondità di scavo max (m) 4,53
REPORT TECNICO
Volvo CE

Svedesi, di grazia

D. Quante parole vi vengono in mente che hanno una D come iniziale? Divertente, diverso, doppio, e chi più ne ha più ne metta. Personalmente a questa risposta vorremmo rispondere con dinamico, ma declinato al plurale: dinamici. Si, perché stiamo per parlarvi di tre graziosi gioiellini della gamma compact del Costruttore movimento terra svedese per eccellenza, che nella sigla che li nomina comprendono, inutile dirlo, la lettera D. Certo, Volvo probabilmente voleva solo indicare il cambio di generazione per questi nuovi compatti, ma a giudicar dalle prestazioni e dai plus, anche l’idea che quella D stia per l’aggettivo che abbiamo suggerito non è proprio così... fuori tema. Inutile dire che, se sono modelli compatti, lavorano meglio in spazi angusti, piccoli cantieri magari lato strada; quello che vale la pena dire è che muoversi in tali spazi con questi tre mini è in verità abbastanza semplice grazie alla presenza di una funzione automatica di marcia a due velocità e di pedali di traslazione idraulici per un controllo semplice e preciso del cingolo. Inoltre il posizionamento della macchina risulta rapido e semplice, con movimenti di rotazione e di brandeggio controllati contemporaneamente tramite un joystick. Un flusso della pompa di livello superiore contribuisce ad assicurare cicli di lavoro più rapidi e migliori prestazioni di scavo. Nonostante le dimensioni contenute, però, gli escavatori compatti serie D vantano prestazioni di scavo, forza di strappo e di penetrazione nonché capacità di sollevamento equiparabili a quelle di controparti di dimensioni maggiori (date una sbirciata alle fast spech per farvi un’idea), e sono equipaggiate con motori in grado di assicurare prestazioni superiori e consumi ridotti, certo nulla di nuovo in termini di approccio ambientale e al total cost of ownership del costruttore svedese, ma sempre apprezzabile. E fin qui tutto bene, sennonché ci siamo dimenticati di presentarveli, ma rimediamo subito: si tratta dei tre miniescavatori ECR25D, ECR58D e ECR88D di Volvo CE, tutti disponibili con braccio monoblocco (braccio in due pezzi è disponibile con l’ECR88D) e in diverse configurazioni per bilanciere e lama. Il sottocarro scatolato a forma di X in tre pezzi, costruito in acciaio rinforzato è posto a presidio della robustezza di questi mezzi, mentre la ricca varietà di attacchi rapidi opzionali e di accessori Volvo originali garantiscono flessibilità operativa. La sovrastruttura degli ECR merita un discorso a parte: talmente compatta che la parte posteriore ruota all'interno del pattino sui due modelli maggiori, mentre sull’ECR25D supera la larghezza del cingolo solo se vi si monta un ulteriore contrappeso. La cabina resta comunque abitabilissima: certificata ROPS, dal design moderno, offre una visibilità a 360° grazie alle ampie superfici vetrate piane. Il comfort è garantito da un sedile regolabile, un buon isolamento acustico e vibrazioni contenute, comandi disposti in maniera mirata e un maggiore spazio per i piedi.

 

L’ESCAVATORE è MOBILE

Oltre a tutte le caratteristiche prestazionali, il piccolo dei tre nuovi Volvo ha dalla sua anche quello di essere estremamente mobile, ma non nel senso dell’opera lirica (La donna è mobile), né tanto meno nel senso di arredamento d’interni, si capisce. Il 25 in realtà è un escavatore mobile nel senso che, insieme a tre benne e un martello idraulico, trova tranquillamente posto su un rimorchio di piccole dimensioni perché il tutto, rimorchio incluso, non arriva a pesare 3,5 t. Facilmente conducibile da qualunque persona con patente B. I quattro punti di fissaggio, inoltre, facilmente accessibili contribuiscono ad assicurare un trasporto ancora semplice e sicuro.

RCP