Questo sito utilizza cookie tecnici. Possono esserere inviati cookie da terze parti destinati al solo scopo statistico la cui raccolta di dati è riferita esclusivamente all'uso di questo sito. Continuando la navigazione accetti tacitamente l'uso dei cookie indicati. →  Per maggiori info → → → → 
PAGINA DI ARCHIVIO, PER NOTIZIE PIÙ RECENTI SU: PALE
GOMMATE
CLICCA QUI →
 

New Holland con FleeForce oltre la geolocalizzazione controlla l’attività delle macchine

HOMEhttp://www.macchinecantieri.com/home.htmlshapeimage_1_link_0
CHI SIAMOhttp://www.macchinecantieri.com/Chi_siamo.htmlshapeimage_2_link_0
CONTATTIhttp://www.macchinecantieri.com/Contatti.htmlshapeimage_3_link_0
FOTOTECA VIDEOTECAhttp://www.macchinecantieri.com/fototeca_&_videoteca.htmlshapeimage_4_link_0
INDICE ARTICOLIhttp://rtcl.macchinecantieri.comshapeimage_5_link_0
SOCIAL NETWORKhttp://www.macchinecantieri.com/Social_network.htmlshapeimage_6_link_0
PRECEDENTE
      sfoglia pagine
         SUCCESSIVActe piattaformeMB.htmlshapeimage_7_link_0shapeimage_7_link_1
 
Per facilitare la
navigazione
Le pagine indice 
contengono l’elenco
per argomento degli
articoli pubblicati
ed i relativi link

INNOVAZIONI

Ponte al futuro

Parte seconda


Bauma chiuso. Si fa per dire. Adesso le novità e le macchine viste a Monaco sono tutte da scoprire e provare sul campo. Ma non solo quelle, anche tutti i servizi abbinati. E se i cantieri si fan sempre più difficili, allora anche gli alleati nella gestione delle macchine devono stare al passo. Non a caso i Costruttori si stanno impegnando a fondo per proporre sistemi integrati di fleet management in grado di consentire ai clienti di tenere in palmo di mano l'intero parco macchine. E i suoi costi ovviamente. Largo quindi ai computer, e bando agli sprechi (e ai ladri, due fattori che in ogni tempo ma mai come ora sono indesiderati!).


Flotta nel mirino. Tra i big player del Bauma anche New Holland ha presentato il proprio FleetForce che offre, oltre agli immancabili servizi di geolocalizzazione contro i furti o gli usi comunque non autorizzati delle macchine, anche una telematica efficiente ed efficace al fine di tenere  traccia di ogni voce-macchina. Quindi con FleetForce è possibile localizzare la posizione di ciascuna macchina e controllare se è al lavoro, inattiva o se si sta spostando da un cantiere allaltro. In questo modo sarà possibile stabilire quali unità vengono utilizzate troppo e quali troppo poco, e ridurre al minimo i tempi di inattività. Le informazioni sullutilizzo delle macchine consentono al gestore del parco di risolvere i problemi legati alla produttività di un mezzo non appena si manifestano, e lanalisi di dati come i carichi del motore consente di confrontare le prestazioni e i consumi dei diversi mezzi. Semplificata anche la gestione della manutenzione periodica grazie alla notifica automatica della necessità di interventi di assistenza programmata. Questo rende più facile pianificare gli intervalli manutentivi, assegnare gli incarichi in maniera efficace e ordinare le parti di ricambio necessarie.

FleetForce invierà anche un avviso e-mail nel momento in cui dovesse essere rilevata unanomalia o un guasto. In questo modo il proprietario del parco macchine potrà agire immediatamente, prevenendo ulteriori problemi.

Anche il concessionario New Holland ha accesso allagenda della manutenzione della macchina e alle informazioni sul suo stato di funzionamento come temperature, pressioni e parametri CAN-Bus per la diagnostica e la risoluzione di problemi, in modo da poter fornire assistenza immediata.


Due soluzioni contro mille problemi. FleetForce è disponibile con due formule di abbonamento da tre anni, caratterizzate da due diversi livelli di dettaglio delle informazioni erogate al proprietario delle macchine. Labbonamento Base, disponibile sulla linea compatta, utilizza le informazioni principali, come accensione con chiave, rilevamento del movimento e il tracking GPS per fornire una serie di informazioni e report. Labbonamento Avanzato, disponibile sulla gamma pesante, è integrato perfettamente con la macchina tramite il sistema di trasmissione dati CAN-Bus per rilevare una vasta gamma di funzioni di controllo personalizzate.


La sorpresa preannunciata. Sulle pagine di aprile vi abbiamo preannunciato alcune delle novità di New Holland al Bauma, promettendovi qui il focus sulla nuova pala W170C Recycler. E quindi eccola.

Cosa può contraddistinguere questa macchina per l'uso nel settore del riciclaggio e presto detto. Caratteristica principe la nuova architettura del cooling box, adesso a forma di cubo che incrementa l'effetto radiante rispetto ai radiatori in posizione standard, oltre a rendere la pulizia più facile. Sulla nostra inoltre il cooling box è proposto in versione heavy duty per affrontare gli impieghi più gravosi e gli ambienti più polverosi. Numerosi anche i pacchetti di protezione degli elementi sensibili esterni (tubazioni e così via) che possono essere danneggiati dalle componenti solide dei rifiuti che la pala va a movimentare.

Heavy duty anche gli assali: con i differenziali a centro aperto non c’è slittamento della ruota, e questo riduce lusura degli pneumatici e garantisce una maggiore aderenza dei stessi, enfatizzata anche dalla possibilità di bloccare al 100% il differenziale anteriore (funzione di serie sulla nostra).

Motori ovviamente Tier IV Interim con SCR che oltre a ridurre i consumi e garantire comunque prestazioni da primi della classe, forniscono anche una maggiore sicurezza nei siti di riciclaggio, tipicamente vulnerabili ai rischi di incendio: per ridurre le emissioni di NOx del 50%, infatti, il sistema inietta il fluido AdBlue nella marmitta, spegnendo nel tubo stesso le scintille che si formano durante il processo di combustione. Inoltre, le temperature massime raggiunte dal catalizzatore sono inferiori del 50% rispetto a quelle di un DPF durante la rigenerazione, e questo riduce ulteriormente il rischio di incendi.

Un ultimo sguardo alla trasmissione EcoShift a cinque velocità composta da tre elementi, che contribuiscono alla massima efficienza e a cicli di lavoro più rapidi. La funzione di lock-up del convertitore di coppia viene attivata automaticamente durante la traslazione quando si innesta la seconda marcia e quando si superano i 7 km/h, per ridurre al minimo le perdite di trazione durante i trasferimenti. In questo modo si ottiene in seconda marcia una maggiore efficienza energetica, una maggiore accelerazione e una potenza di spinta incrementata del 12%. Si consente così alloperatore di superare salite pronunciate, senza dover scalare in prima. La trasmissione a cinque velocità permette inoltre alloperatore di ridurre il numero dei giri del motore per utilizzare appieno lelevata coppia massima, per una maggiore efficienza energetica e tempi di ciclo più veloci. Durante la fase di frenata, la funzione di accostamento Power inch previene i sobbalzi dovuti allo spegnimento della trasmissione automatica; sui pendii, funziona come un hill holder da trucks (che consiste nellinserimento automatico in salita del freno di stazionamento per le vetture) aumentando così il comfort per loperatore, riducendone la stanchezza e aumentando la sua capacità di concentrazione sul lavoro utile.