Questo sito utilizza cookie tecnici. Possono esserere inviati cookie da terze parti destinati al solo scopo statistico la cui raccolta di dati è riferita esclusivamente all'uso di questo sito. Continuando la navigazione accetti tacitamente l'uso dei cookie indicati. →  Per maggiori info → → → → 
PAGINA DI ARCHIVIO, PER NOTIZIE PIÙ RECENTI SU: PIATTAFORME
AEREE
CLICCA QUI →
 

Ruthmann  Steiger T 540  Height Performance, Lift-Up System, jib, cestello, stabilizzazione, piattaforma, PLE

 
 

54 METRI di Germania


All’Esprit Arena di Düsseldorf, la presentazione della nuova piattaforma aerea Ruthmann Steiger T 540 Height Performance ha stabilito uno standard di versatilità assoluto per le PLE su veicolo a tre assi

 
T 540, la carta d’identità

Altezza operativa                                54 m
Piano di calpestio                               52 m
Sbraccio massimo (a 45°)                  40 m
Capacità massima in cesta                600 kg
Lunghezza del jib                                3,3 m
Rotazione del jib                                 180°
Allestimento autocarro                      26 t.

T 540, la carta d’identità


Altezza operativa                                54 m

Piano di calpestio                               52 m

Sbraccio massimo (a 45°)                  40 m

Capacità massima in cesta                600 kg

Lunghezza del jib                                3,3 m

Rotazione del jib                                 180°

Allestimento autocarro                      26 t.

FOTOTECA VIDEOTECAhttp://www.macchinecantieri.com/fototeca_&_videoteca.htmlshapeimage_4_link_0
SOCIAL NETWORKhttp://www.macchinecantieri.com/Social_network.htmlshapeimage_5_link_0
FILMATI ISTITUZIONALIhttp://www.macchinecantieri.com/Filmati_istituzionali.htmlshapeimage_6_link_0
RIVISTE DIGITALIhttp://www.macchinecantieri.com/Riviste_Digitali.htmlshapeimage_7_link_0
E-@LABhttp://www.macchinecantieri.com/E-l%40b.htmlshapeimage_8_link_0
ARTICOLIhttp://www.macchinecantieri.com/Articoli.htmlshapeimage_9_link_0
PRECEDENTE
      sfoglia pagine
         SUCCESSIVAindice.htmlnewholland01212.htmlshapeimage_10_link_0shapeimage_10_link_1
HOMEhttp://www.macchinecantieri.com/home.htmlshapeimage_11_link_0
CHI SIAMOhttp://www.macchinecantieri.com/Chi_siamo.htmlshapeimage_12_link_0
CONTATTIhttp://www.macchinecantieri.com/Contatti.htmlshapeimage_13_link_0
INDICE ARTICOLI 2012indice.htmlshapeimage_14_link_0
Per facilitare la
navigazione
Le pagine indice 
contengono l’elenco
per argomento degli
articoli pubblicati
ed i relativi link

Il colpo d’occhio dello stadio di Düsseldorf è di quelli in grado di aprire le porte a un’esperienza unica di modernità. Il design del “catino” agonistico è così straordinario da rimandare quasi in automatico al nome proprio scelto per questa struttura architettonica: Esprit Arena. Lo spirito, naturalmente, è quello della più alta innovazione di matrice tedesca; la stessa che caratterizza da decenni la storia del marchio Ruthmann dedicato alle piattaforme aeree “high range” fino ai 100 m di altezza operativa.

L’Esprit Arena ha rappresentato il “set” ideale per la presentazione ai clienti internazionali della Ruthmann Steiger T 540 Height Performance. Il costruttore di Gescher, per l’occasione (organizzata in due sessioni il 2 e il 3 di novembre), ha messo in campo, oltre all’ultima novità di gamma, tutta la serie più recente di modelli autocarrati. Nel corso dei due pomeriggi dedicati ai test e alle prove tecniche, gli operatori hanno approfondito nel modo più completo le esposizioni teoriche dei progettisti Ruthmann svolte durante le conferenze della mattina.

A proposito della nuova T 540, la prima considerazione che va fatta riguarda il vertice dinamico conseguito nella categoria Height Performance (termine che indica la serie Ruthmann di PLE con capacità di 600 kg in cesta per qualsiasi posizione operativa). Il punto focale è rappresentato da un braccio secondario più lungo di 3 m rispetto ai moduli progettati in precedenza per questa classe di altezza (la T 540 arriva ai 54 m di massimo sviluppo operativo); la quota massima raggiungibile dal secondo elemento telescopico, quindi, arriva ai 16 m complessivi, valorizzati ulteriormente da un jib di 2 m inclinabile di 180° per conseguire la più agile operatività possibile (anche in negativo, per 7,5 m) nel superamento di barriere verticali e di altri ostacoli strutturali. Lo sbraccio laterale della T 540, in virtù di questi “plus” è in grado di raggiungere la lunghezza complessiva di 40 m, con diverse e notevoli opportunità di sviluppo (ad esempio, da 33,5 m a 40 m di altezza fino a 23 m per una quota operativa di 50 m). La facoltà di sbraccio, poi, risulta ancora più sorprendente se consideriamo l’allestimento “leggero” (prescelto per l’evento di Düsseldorf) su un veicolo Mercedes-Benz Actros a tre assi da 26 t, con una lunghezza totale contenuta in 11,9 m, per un’altezza di 3,9 m in assetto da trasporto.

Tornando alla parte aerea terminale, il grande cestello previsto per la nuova T 540 ha la facoltà di un’estensione idraulica che va dai 2,42 m fino a un massimo di 3,82 m, per una profondità notevole del piano di calpestio che arriva ai 0,97 m (quando i moduli della concorrenza arrivano mediamente ai 0,80 m). “Il vantaggio per gli operatori, considerando lo spazio e la capacità consentita dal cestello, è quella di una più ampia versatilità di intervento - considera Pier Luigi Cavicchioli, titolare di Tru.C.S., distributore italiano della gamma Ruthmann -  Oltre alla possibilità di portare diverse attrezzature supplementari a bordo, la dotazione opzionale prevista da Ruthmann contempla l’esclusivo Lift-Up System, un dispositivo di sollevamento applicabile in posizione frontale per favorire la movimentazione di manufatti come finestre, lastre e pannelli durante il lavoro in quota. Sempre nel cestello è stato ricavato uno spazio per installare eventualmente una telecamera per realizzare delle riprese aeree in cantiere”. Un’altra novità importante riguarda il nuovo sistema di comando della stabilizzazione, un modulo che prevede il controllo individuale dei quattro stabilizzatori automatici dai pannelli di gestione posti su entrambi i lati del veicolo; in alternativa, comunque, seguendo le esigenze logistiche del cantiere, la stabilizzazione può essere controllata dalla cabina dell’autocarro oppure dal cestello.

Con Tru.C.S., lo “sbarco” in Italia


La Steiger T 580 su telaio a tre assi (campione da 58 m di altezza operativa per 40 m di sbraccio laterale) costituisce il top di gamma Ruthmann a disposizione dei clienti di Tru.C.S. che si rivolgono alla struttura di Villanova di Castenaso per il noleggio a caldo. Anche se l’Italia è il paese eletto dei costruttori di piattaforme aeree, la qualità che arriva dalla Germania non può che contribuire all’offerta di prestazioni dall’alto profilo tecnico. Tru.C.S. distribuisce le PLE autocarrate di Gescher dal maggio 2011, fornendo alle aziende i servizi di vendita, assistenza e noleggio (con una propria flotta di oltre 50 macchine che comprendono, oltre alle PLE autocarrate, gru da autocarro, autogrù, piattaforme a forbice, carrelli elevatori, motrici e trattori stradali, rimorchi e semirimorchi). Le attività di Tru.C.S. si rivolgono a diversi ambiti: sollevamento di manufatti industriali, movimentazione merci, traslochi industriali, trasporti eccezionali e manutenzioni, florovivaismo.

Tra gli altri modelli in prova per gli ospiti di Düsseldorf, vanno citati la recente Ruthmann Steiger T 460 da 46 m, dotata egualmente di un braccio secondario da 16 m, dalla struttura aerea realizzata con acciai speciali più resistenti e leggeri rispetto agli standard di categoria, e il best-seller patente B rappresentato dalla Ruthmann Steiger TB 270 da 27 m.

L’Italia era presente all’Esprit Arena con un gruppo rilevante di professionisti del settore, invitati dalla Tru.C.S. di Villanova di Castenaso (Bo). A partire dal 2011, l’azienda emiliana è distributrice ufficiale di Ruthmann sul territorio nazionale e il marchio sta già prendendo piede tra i noleggiatori e gli specialisti più esigenti del lavoro in quota. “Tra i modelli della gamma a nostra disposizione, l’operatore italiano predilige i modelli patente B – rileva Cavicchioli – L’interesse per la Steiger TB 220 e soprattutto per la recente Steiger TB 270, lo confermano. Qui a Düsseldorf, comunque, Tru.C.S. ha voluto far passare qualche messaggio alternativo, a partire dalla grande efficienza di questa nuova Height Performance T 540. Inoltre, riteniamo che l’operatore italiano possa recepire l’utilità innovativa di modelli ‘intermedi’ della stessa serie Steiger, come la T 330 su patente C (autocarro da 7,5 t) e la stessa T 460 presentata allo scorso Intermat di Parigi”. A.F.