Questo sito utilizza cookie tecnici. Possono esserere inviati cookie da terze parti destinati al solo scopo statistico la cui raccolta di dati è riferita esclusivamente all'uso di questo sito. Continuando la navigazione accetti tacitamente l'uso dei cookie indicati. →  Per maggiori info → → → → 
PAGINA DI ARCHIVIO, PER NOTIZIE PIÙ RECENTI SU: NOLEGGIO
MACCHINE
CLICCA QUI →
 

AUTOVICTOR azienda di noleggio di telescopici HAULOTTE, autogru LIEBHERR, piattaforme. Da oltre 30 anni in Italia e nel mondo

 
 

Continua la storica collaborazione tra Haulotte e Autovictor. Con l’acquisto del telescopico HTL3210

 

Partnership!

Per facilitare la
navigazione
Le pagine indice 
contengono l’elenco
per argomento degli
articoli pubblicati
ed i relativi link
FOTOTECA VIDEOTECAhttp://www.macchinecantieri.com/fototeca_&_videoteca.htmlshapeimage_4_link_0
SOCIAL NETWORKhttp://www.macchinecantieri.com/Social_network.htmlshapeimage_5_link_0
FILMATI ISTITUZIONALIhttp://www.macchinecantieri.com/Filmati_istituzionali.htmlshapeimage_6_link_0
RIVISTE DIGITALIhttp://www.macchinecantieri.com/Riviste_Digitali.htmlshapeimage_7_link_0
E-@LABhttp://www.macchinecantieri.com/E-l%40b.htmlshapeimage_8_link_0
ARTICOLIhttp://www.macchinecantieri.com/Articoli.htmlshapeimage_9_link_0
PRECEDENTE
      sfoglia pagine
         SUCCESSIVAKomatsu_ad_hoc.htmlmerlo_revolution.htmlshapeimage_10_link_0shapeimage_10_link_1
HOMEhttp://www.macchinecantieri.com/home.htmlshapeimage_11_link_0
CHI SIAMOhttp://www.macchinecantieri.com/Chi_siamo.htmlshapeimage_12_link_0
CONTATTIhttp://www.macchinecantieri.com/Contatti.htmlshapeimage_13_link_0
INDICE ARTICOLI 2012indice.htmlshapeimage_14_link_0

Autovictor nasce nel 1969 come ditta individuale, con attività di riparazione autoveicoli e soccorso stradale. La crescita che ha portato l’azienda di San Pietro Mosezzo (NO) a diventare una delle più importanti realtà nel mercato del noleggio di attrezzature di sollevamento è frutto di un percorso che ha condotto negli anni l’azienda piemontese ad ampliare progressivamente il proprio orizzonte di attività.

Davvero troppo numerosi i lavori importanti e di prestigio che hanno visto Autovictor partecipare con i propri mezzi e servizi a fianco dei propri clienti. Solo tra i più recenti ne segnaliamo due, uno in Italia e uno all’estero. Il primo, il noleggio di diversi mezzi, principalmente piattaforme di lavoro aereo, alle imprese impegnate nella costruzione della nuova sede della Regione Lombardia, il Palazzo Lombardia inaugurato lo scorso anno. Ancora più recente il noleggio

che ha interessato la “regina” del parco macchine Autovictor, l’autogrù Liebherr LTM 1400 da 400 t impegnata per diversi mesi in Martinica per i sollevamenti necessari alla costruzione di un nuovo impianto termochimico per conto di una grande società italiana.

Autovictor è stata una delle prime aziende di noleggio a puntare sin dalla fine degli anni ’80 sul segmento delle piattaforme aeree, all’epoca ancora poco diffuse nel mercato italiano. E ha oggi in Haulotte uno dei suoi principali partner commerciali, attraverso il prezioso lavoro della concessionaria SAVIS di San Mauro (TO).

“Abbiamo varato questa attività” racconta Angelo Gino, erede del fondatore e che in azienda è già affiancato dalla terza generazione, suo figlio Alessandro, “in collaborazione con alcune realtà della zona, inserendo nel parco mezzi alcuni modelli da 17, 24 e 26 m, che hanno incontrato fin da subito un’ottima accoglienza da parte del mercato. Questo ci ha incoraggiato a proseguire in questa direzione, strutturando e ampliando costantemente il parco; ed è proprio in corrispondenza di questo passaggio che ha avuto inizio il nostro rapporto con Haulotte”. Un rapporto che oggi è pienamente consolidato, e si è via via esteso a tutte le tipologie di attrezzature di sollevamento proposte dal costruttore, fino ad arrivare ai sollevatori telescopici, ultimo e più recente ingresso nel parco mezzi Autovictor. “Oltre a qualità, affidabilità e facilità di utilizzo e manutenzione delle macchine, aspetti questi che per un noleggiatore sono determinanti” sottolinea Gino, “Haulotte ci ha convinto che era il nostro partner ideale mediante l’ampiezza e il costante aggiornamento della gamma d’offerta: un aspetto questo, che si sposa perfettamente con la nostra politica aziendale, che tende a individuare per ogni segmento un numero il più limitato possibile di fornitori”.

Non a caso il marchio Haulotte è ampiamente rappresentato nell’attuale parco mezzi dell’azienda. L’ultimo acquisto è il telescopico HTL 3210, una macchina “molto sensibile e precisa nei movimenti, la cui manutenzione quotidiana è agevole e rapida, e il supporto del servizio di assistenza Haulotte è preciso e puntuale: una combinazione di fattori, questa, che rende l’HTL 3210 un modello particolarmente adatto al settore del noleggio” ha confermato Angelo Gino.

IL SOLLEVATORE

L’HTL3210, con i modelli HTL 4010 e HTL 3510, costituisce la nuova gamma di sollevatori Haulotte progettati per sollevare carichi ad un’altezza massima di 10 m, che vanno ad affiancare i quattro modelli esistenti con altezze massime da 14 e 17 m, destinate specificamente ai settori delle costruzioni e industriale: le tre macchine segnano nuovi standard per capacità di sollevamento e sbraccio, con prestazioni nettamente superiori.

Con la nuova gamma di sollevatori telescopici Haulotte da 10 m i professionisti  dell’edilizia e dell’industria non dovranno scegliere tra compattezza e prestazioni. Gli HTL 4010, HTL 3510 e HTL 3210 garantiscono infatti la precisione e la comodità d’uso dei modelli di fascia superiore grazie alla trasmissione idrostatica e ai comandi joystick interamente proporzionali, entrambi previsti come equipaggiamento standard. I tre nuovi modelli consentono quindi ad Haulotte di offrire sempre la soluzione ottimale in questo segmento, sia sotto il profilo delle prestazioni che della produttività.

I sollevatori telescopici HTL da 10 m si caratterizzano per: un design estremamente compatto; altezza utile effettiva delle forche di 10 m; sbraccio massimo di 7,2 m, al vertice della categoria; lunghezza totale pari a 5 m per una manovrabilità ottimale; nuovo design più snello del braccio per una visibilità laterale ottimale e una facile manutenzione. Il modello HTL 3210 è dotata di stabilizzatori della larghezza di 2,26 m per consentire il sollevamento di carichi anche in aree di lavoro ristrette. La capacità massima di sollevamento è di 300 kg, mentre quella al massimo sbraccio è di 850 kg.