Questo sito utilizza cookie tecnici. Possono esserere inviati cookie da terze parti destinati al solo scopo statistico la cui raccolta di dati è riferita esclusivamente all'uso di questo sito. Continuando la navigazione accetti tacitamente l'uso dei cookie indicati. →  Per maggiori info → → → → 
PAGINA DI ARCHIVIO, PER NOTIZIE PIÙ RECENTI SU: PNEUMATICI
& COMPONENTI
CLICCA QUI →
 

BKT 25 ANNI DI CRESCITA -

Pneumatici per il movimento terra e l’ agricoltura

 
 FONDATA NEL 1987
 

Una crescita più che doppia in otto anni. Sia in termini di fatturato, che di produzione. Questo il futuro di BKT

Affilano le armi!

FOTOTECA VIDEOTECAhttp://www.macchinecantieri.com/fototeca_&_videoteca.htmlshapeimage_3_link_0
SOCIAL NETWORKhttp://www.macchinecantieri.com/Social_network.htmlshapeimage_4_link_0
FILMATI ISTITUZIONALIhttp://www.macchinecantieri.com/Filmati_istituzionali.htmlshapeimage_5_link_0
RIVISTE DIGITALIhttp://www.macchinecantieri.com/Riviste_Digitali.htmlshapeimage_6_link_0
E-@LABhttp://www.macchinecantieri.com/E-l%40b.htmlshapeimage_7_link_0
ARTICOLIhttp://www.macchinecantieri.com/Articoli.htmlshapeimage_8_link_0
PRECEDENTE
      sfoglia pagine
         SUCCESSIVAscania_pieno_novita.htmljlg_prima_fila.htmlshapeimage_9_link_0shapeimage_9_link_1
HOMEhttp://www.macchinecantieri.com/home.htmlshapeimage_10_link_0
CHI SIAMOhttp://www.macchinecantieri.com/Chi_siamo.htmlshapeimage_11_link_0
CONTATTIhttp://www.macchinecantieri.com/Contatti.htmlshapeimage_12_link_0
INDICE ARTICOLI 2012indice.htmlshapeimage_13_link_0
Per facilitare la
navigazione
Le pagine indice 
contengono l’elenco
per argomento degli
articoli pubblicati
ed i relativi link

5 giugno 2012. Alle porte di Dusseldorf, nella Renania-Vestfalia, presso il castello di Schloss Eller, BKT ha festeggiato i suoi primi 25 anni di attività. Una location di prestigio, volta a sottolineare un’ascesa altrettanto di prestigio. Correvano, infatti, gli anni 1987 e ’88 quando il padre di Arvin Poddar, attuale CEO del Gruppo, apriva il primo insediamento ad Aurangabad (India occidentale) e iniziava la produzione di pneus per i veicoli a due e tre ruote: oggi, a soli due decenni e mezzo da quell’inizio, BKT (parte della multinazionale Siyaram Poddar Group che è attiva non solo nel settore della gomma, ma anche nel settore manifatturiero sia tessile che cartario) ha registrato una crescita che poche altre Aziende possono vantare, arrivando a chiudere l’ultimo anno fiscale con un fatturato di 611 milioni di dollari. Un risultato raggiunto grazie anche all’intuizione di aprire alla produzione di pneumatici off-highway (iniziata nel 1995) che ha visto la nascita di Agrimax nel 2004 (pneus radiale agricolo) e di ben 5 nuove linee di prodotto nel 2009, fra cui Earthmax, il primo pneus radiale all steel di BKT per le macchine movimento terra). Una scalata anche ai livelli produttivi, pari a 29.000 t nel 2004 e, solo 7 anni dopo, a 133.000 t! Ma, a 25 anni dall’inizio, è giusto tirare alcune somme e darsi degli obiettivi!

VERSO IL 2020!

Otto anni! Dove sarà, quanto produrrà e quanto fatturerà BKT nel 2020? E quali prodotti, soprattutto, commercializzerà? Nessun segreto, i manager del Produttore di Mumbai hanno le idee chiare e non le tengono nascoste. Che siano i competitor a preoccuparsi. Iniziamo quindi a rispondere a tutte le domande fatte. Dove? La produzione sarà sempre in India dove, ai tre stabilimenti attualmente in funzione (Waluj, Bhiwadi e Chopanki cui si affianca il sito di produzione di stampi a Dombivali), da fine di quest’anno al 2014 si affiancherà il quarto polo produttivo costruito a Bhuj, nello stato del Gujarat.  1,21 milioni di metri quadri, 365 milioni di dollari investiti e una produzione (a pieno regime) di 120.000 t/anno che diventeranno, in una seconda fase di ampliamento (peraltro già prevista!), 200.000 t/anno! A Bhuj già nel 2014 si produrrà più di quanto non faranno gli altri tre siti produttivi. “Attendiamo con ansia l’entrata in servizio del nuovo stabilimento di Bhuj” afferma Lucia Salmaso, da sei anni a capo di BKT in Europa. Grazie alla sua guida BKT Italia, con sede a Seregno, è diventata BKT Europe e lei ne è l’Amministratore Delegato.

“Attualmente tutta la produzione BKT è destinata all’export. Nonostante questo abbiamo tempi di consegna che si attestano sui sei mesi. Il nuovo polo produttivo dovrebbe permetterci non solo di azzerare questa attesa, ma anche di dare un forte impulso alla nostra strategia di penetrazione nei mercati mondiali”. Strategia appunto.

Se abbiamo visto dove produrrà (e quanto) BKT nei prossimi otto anni, quali sono i corrispondenti obiettivi di fatturato? Attualmente il mercato mondiale dei pneus off-highway è stimato da BKT in 11,2 bilioni di dollari e previsto in crescita nel 2014 a 13,6 bilioni di dollari. BKT attualmente detiene il 5% di market share di tale mercato e conta di raddoppiare tale percentuale nel 2014, arrivando a fatturare più del doppio del 2011, ossia 1,36 bilioni di biglietti verdi!! Ah già, questo nel 2014: nel 2020 i bilioni di fatturato-obiettivo di BKT sono 2, tondi tondi! Ma come raggiungere questi risultati che possiamo definire ambiziosi? Oltre ovviamente all’aumento della produzione che abbiamo già descritto, BKT incrementerà la produzione dei tre poli di Waluj, Bhiwadi e Chopanki. Inoltre potenzierà, da una parte, la propria rete distributiva (con particolare attenzione a Europa e USA che sono già oggi i mercati “core”); dall’altro aumenterà la propria quota di primo equipaggiamento presso gli OEM di tutto il mondo.

E, last but not least, presenterà al mercato diverse famiglie di nuovi prodotti. E qui, rispondendo all’ultima domanda, ossia cosa produrrà BKT, completiamo il quadro di questa strategia volta alla conquista (commerciale) del Mondo: innanzitutto la produzione di pneus OTR giganti verrà ampliata andando a comprendere dimensioni dai 49” in su. Per quanto riguarda i pneus per carrelli elevatori arriveranno i modelli all steel e verrà realizzata la gamma destinata alle gru e ai movimentatori portuali. Gli pneumatici tube per applicazioni agricole e industriali copriranno un range dimensionale da 8 a 38” mentre gli pneus solidi saranno disponibili nelle dimensioni da 8 a 20”. Ah, già, quasi dimenticavamo! Lo stabilimento di Dombivali è stato ampliato nel 2011 e oggi produce 270 stampi all’anno.

LA RETE BKT IN ITALIA

Per il settore industriale è la bresciana Industrial Gomme di Bedizzole a occuparsi della distribuzione dei pneus BKT, mentre Univergomma di Scandicci (FI) si occupa del segmento agricoltura.

Produzione green: oggi il 40% del fabbisogno energetico degli stabilimenti BKT è assicurato dall’installazione di pale eoliche nello stato di Rajasthan. Per questo nel 2009 BKT è stata insignita del National Energy Conservation Award

Per info: www.bkt-tyres.com