Questo sito utilizza cookie tecnici. Possono esserere inviati cookie da terze parti destinati al solo scopo statistico la cui raccolta di dati è riferita esclusivamente all'uso di questo sito. Continuando la navigazione accetti tacitamente l'uso dei cookie indicati. →  Per maggiori info → → → → 
PAGINA DI ARCHIVIO, PER NOTIZIE PIÙ RECENTI SU: NOLEGGIO
PIATTAFORME
CLICCA QUI →
 

Genova, bacini di carenaggio e cantieri navali, manutenzione facile con GM noleggio e piattaforme JLG

 
 

Di storie di successo ne abbiamo lette tante su Macchine Cantieri. Ma non stancano mai! E questa che stiamo per raccontarvi è proprio una di quelle storie che dimostrano che se in un lavoro c’è la passione, allora il successo è garantito. Generazione dopo generazione.

Questa è la storia della famiglia Mazzeo, che inizia anni fa con la nascita di GM Assistenza, fondata da Giuseppe Mazzeo per fornire, appunto, assistenza tecnica a piattaforme aeree in una zona molto vasta all’epoca, tra Milano e Genova. Dopo poco tempo l’incontro con JLG e i suoi prodotti sancisce un legame duraturo, basato sulla fiducia, sulla qualità dei prodotti da una parte e dei servizi offerti dall’altra. Così il legame tra GM Assistenza e JLG diventa indissolubile. E porta a ulteriori sviluppi. Nasce GM Noleggio, realtà separata da GM Assistenza ma sempre della famiglia Mazzeo, che si occupa del noleggio di piattaforme aeree e mezzi di sollevamento in generale. Ma tutti sempre JLG. E poi la seconda generazione della famiglia, Valeria, entra in azienda e porta una ventata di novità, interessandosi prima dell’assistenza e poi decidendo di aprire il futuro delle due aziende alla sicurezza e alla formazione. Valeria, dopo aver accumulato una buona esperienza in azienda, in pochi anni compie il percorso formativo per diventare prima RSPP e successivamente Istruttore IPAF.

Oggi GM Noleggio offre un parco macchine composto da 32 piattaforme che vanno dai 7 ai 44 m, con modelli sia a pantografo che articolate. Le ultime due entry sono state rispettivamente la 1350 e la 1200, sempre JLG. Ma dove vengono noleggiate queste macchine? E a chi Valeria offre la propria esperienza di Istruttore IPAF? “I principali clienti di GM Noleggio sono armatori del porto di Genova” ci conferma Valeria Mazzeo. “Nei cantieri navali le PLE sono, di fatto, l’unica soluzione per fare manutenzione agli scafi delle navi quando sono in galleggiamento nei bacini di carenaggio. I ponteggi non sono, infatti, un’alternativa valida, in quanto sono lunghi da montare e presentano diversi svantaggi, tra cui il fatto che per molti degli interventi che si effettuano durante la manutenzione delle navi dovrebbero essere di tipo sospeso. Le PLE, invece, sono facili da usare una volta che gli operatori sono correttamente formati, e offrono la possibilità di traslare anche mentre l’operatore è in quota, vantaggio indiscutibile che riduce molto i tempi morti da un intervento all’altro”. Gli armatori vi chiedono a noleggio solo PLE? “No, Il nostro parco noleggio comprende, per esempio, anche due telescopici, un 2505 e un 4013, sempre JLG, molto richiesti perché consentono, con il loro sbraccio, di avvicinare e raggiungere la nave con i materiali necessari direttamente dalla banchina. Comunque abbiamo numerose richieste anche da espositori che partecipano alle fiere di Genova. E poi proponiamo anche carrelli elevatori”. E al di fuori dei bacini di carenaggio e dell’allestimento fiere, che mercati ci sono? “Stiamo assistendo a una crescente domanda di PLE

Un cuore...sicuro!

FOTOTECA VIDEOTECAhttp://www.macchinecantieri.com/fototeca_&_videoteca.htmlshapeimage_2_link_0
SOCIAL NETWORKhttp://www.macchinecantieri.com/Social_network.htmlshapeimage_3_link_0
FILMATI ISTITUZIONALIhttp://www.macchinecantieri.com/Filmati_istituzionali.htmlshapeimage_4_link_0
RIVISTE DIGITALIhttp://www.macchinecantieri.com/Riviste_Digitali.htmlshapeimage_5_link_0
E-@LABhttp://www.macchinecantieri.com/E-l%40b.htmlshapeimage_6_link_0
ARTICOLIhttp://www.macchinecantieri.com/Articoli.htmlshapeimage_7_link_0
PRECEDENTE
      sfoglia pagine
         SUCCESSIVAFassi_CRG.htmlEI_formazione.htmlshapeimage_8_link_0shapeimage_8_link_1
HOMEhttp://www.macchinecantieri.com/home.htmlshapeimage_9_link_0
CHI SIAMOhttp://www.macchinecantieri.com/Chi_siamo.htmlshapeimage_10_link_0
CONTATTIhttp://www.macchinecantieri.com/Contatti.htmlshapeimage_11_link_0
INDICE ARTICOLI 2012indice.htmlshapeimage_12_link_0

La passione guida da anni la famiglia Mazzeo nello svolgere la propria attività. E un cuore che batte per la qualità del servizio, la sicurezza e la formazione

Per facilitare la
navigazione
Le pagine indice 
contengono l’elenco
per argomento degli
articoli pubblicati
ed i relativi link

da parte del settore delle costruzioni” ci confida Valeria. “Gli operatori le stanno sempre più considerando dei validi sostituti dei ponteggi per i tempi, i costi e le responsabilità che il loro impiego comporta. Certo, la formazione è indispensabile, soprattutto per noi che noleggiamo a freddo. Ma l’avvento dell’obbligatorietà dovrebbe portare a una progressiva risoluzione di questo problema”. A cosa ti riferisci? “Beh, finora la formazione non era obbligatoria, bastava una dichiarazione di chi noleggiava che l’operatore era in grado di manovrare la macchina” spiega Valeria. “Se questo ci metteva, come noleggiatori, al riparo da responsabilità giuridiche, non faceva altrettanto contro il rischio di danno alla macchina. Senza considerare il lato umano che comunque influisce: non è mai bello sapere che qualcuno si è fatto male usando una nostra macchina, anche se quanto accade è colpa della sua imperizia. Finora la formazione era percepita di fatto come spesa inutile. Anche adesso in parte lo è, non è percepita come un valore della propria azienda avere operatori formati, ma se non altro è sancita come obbligo dalla legge. Con il tempo passerà il concetto che è un valore aggiunto e un vantaggio economico anche per l’azienda. Diverso è l’approccio degli armatori. Loro chiedono espressamente operatori formati che abbiano una qualifica internazionale perché spesso chi svolge i lavori nei bacini di carenaggio fa anche parte dell’equipaggio della nave e potrebbe essere chiamato a fare manutenzione nei bacini di carenaggio di altri porti in Stati esteri dove la nave fa scalo. Da qui la necessità di poter vantare una formazione riconosciuta a livello internazionale, proprio come quella di IPAF”. Che dire infine? Dalle parole di Valeria traspare una forte passione per il proprio lavoro e le proprie aziende, che gestisce oggi insieme alla mamma Maria e al padre Giuseppe, a cui si affianca un tecnico alle loro dipendenze. Non possiamo che essere orgogliosi che in Italia esistano realtà (e famiglie!) così legate alla propria attività e augurare con tutto il cuore un futuro di successo a tutte loro, a partire dalla famiglia Mazzeo!

Testi di Emanuela Pirola - Foto di Valeria Mazzeo

Per info:

www.jlgeurope.com

GM Noleggio - tel. 010 3071295